Laurearsi ai tempi del Covid-19: CMD protagonista di due tesi universitarie discusse online

Insieme si vince!
30 Marzo 2020
Una Pasqua piena di speranza…torneremo più forti di prima
9 Aprile 2020

Laurearsi ai tempi del Covid-19: CMD protagonista di due tesi universitarie discusse online

A seguito dell’emergenza Covid-19 anche l’Università degli Studi della Basilicata ha istituito sessioni in modalità telematica per il conseguimento del titolo di laurea.

Tra i laureati dello scorso 26 marzo 2020 figurano due ingegneri, Giovanni ed Alfonso, che hanno realizzato la propria tesi in collaborazione con la CMD di Atella. Entrambi i neolaureati sono stati affiancati in azienda dall’Ing. Francesco Iantorno, direttore tecnico Divisione marina, ed i relatori prof.ssa Annarita Viggiano, responsabile del lavoro e la dott.ssa Maria Faruoli.

Li abbiamo contattati e sono stati molto entusiasti nel raccontarci questa nuova modalità di laurea, ma soprattutto come l’esperienza aziendale in CMD li abbia aiutati a raggiungere il loro importante traguardo.

Giovanni Abbruzzese, 28 anni di Lauria, ha concluso il suo percorso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica con un tirocinio formativo presso l’ufficio tecnico della CMD – FNM (settore marino) ed una tesi dal titolo “Ottimizzazione del dissipatore di calore di un inverter per motori ibridi ad uso marino”.

 

Ci racconti la tua esperienza in CMD?

“Questa è stata per me un’esperienza davvero importante, ho avuto la possibilità di collaborare con persone disponibili che mi hanno permesso sin da subito di integrarmi nelle attività dell’azienda. Ho potuto seguire il processo della progettazione che va da una nuova idea o dall’analisi di un problema alla discussione delle possibili soluzioni, al disegno 3D, fino a vedere il componente pronto per essere testato. Nel mio lavoro di tesi mi sono occupato dell’ottimizzazione fluidodinamica e termica del dissipatore di calore a liquido che viene inserito nel circuito di raffreddamento della parte ibrida. La collaborazione con l’ufficio tecnico CMD-FNM mi ha dato la possibilità di comprendere il funzionamento del componente, ha portato all’individuazione di una geometria che aumenta l’efficienza del circuito di raffreddamento e quindi di tutto il sistema. Per me questa è stata un’esperienza formativa straordinaria che raccomando a tutti.”

 

Altro orgoglio lucano è stato Alfonso Calabrese, 24 anni di Melfi, giovane neolaureato magistrale in ingegneria meccanica.

 

Ci racconti la tua esperienza in CMD?

“Ho conosciuto CMD grazie al professore Enrico Nino, che non ringrazierò mai a sufficienza, è stata una grande guida per me oltre ad un grande professore. Grazie a lui ho conosciuto l’ingegnere Iantorno che mi ha dato la possibilità di iniziare il mio lavoro di tesi presso tale azienda. Ho trovato un ambiente molto confortevole e mi sono sentito subito a mio agio con tutto lo staff. In azienda sono stato affiancato dai vari collaboratori ed è stato molto interessante veder lavorare un gruppo di esperti. Per me è stato un apprendimento continuo che mi ha fatto crescere sul campo mettendo in pratica alcune conoscenze.”

 

In cosa è consistito il progetto di tesi?

“Il lavoro di tesi, dal titolo “Studio sperimentale delle prestazioni e delle emissioni di due motori diesel mediante prove al banco”, ha riguardato lo studio di due motori marini, il 30HPE e il 42HPE. Sul 30HPE è stata effettuata un test sulla massima potenza erogabile, rispetto a quanto riportato nel catalogo vendite (250 CV). Infine è stata svolta un’analisi dei gas di scarico al fine di ottenere la certificazione CE per la nuova configurazione del motore (270 CV). Il motore 42 HPE è certificato euro 5, il lavoro è consistito nell’ottimizzazione delle prestazioni, mediante la ricalibrazione della centralina del motore, con relativa analisi dei gas di scarico. E’ stata un’esperienza entusiasmante che auguro ai giovani ingegneri lucani di provare.”

 

Com’è stato laurearsi online?

“La discussione della tesi di laurea da casa? Non avremmo mai immaginato un finale così, le emozioni sono state le stesse ma è mancata la condivisione del momento con gli amici, l’abbraccio finale con tutte le persone più care, non è stata la stessa cosa sentirle solo al telefono. Speriamo di poter recuperare presto. A livello accademico è stato organizzato tutto telematicamente e abbiamo avuto la possibilità di presentare in videoconferenza il lavoro di tesi in presenza della commissione della seduta di laurea.

Una laurea a dir poco originale.”

 

Una bella esperienza in azienda conclusasi con un finale a sorpresa per i giovani lucani a cui auguriamo i migliori successi.